1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Contenuti della pagina
 
 

Contenuto della pagina
 
 

Riparte la campagna sulle vaccinazioni promossa insieme a HappyAgeing

 
 
 
 

In questi ultimi anni i vaccini sono stati, e in parte sono ancora, al centro di una massiccia campagna di disinformazione anche alimentata da notizie inesatte e allarmistiche diffuse dai media e perfino da alcuni medici e operatori sanitari. 
Tutto questo ha portato a un progressivo e preoccupante abbassamento delle coperture vaccinali sia in età pediatrica, sia in età adulta. 

I vaccini sono invece un utile strumento per prevenire malattie e morti evitabili. Si stima che in Italia ogni anno ci siano circa 6mila morti per complicanze da influenza, quasi tutte tra le persone anziane, e per complicanze broncopolmonari. Se si combinasse la vaccinazione antiinfluenzale al vaccino antipneumococco, si potrebbe ridurre il numero dei decessi anche del 60%. 

Contribuire a una corretta informazione sulle vaccinazioni, con attenzione particolare a quelle rivolte alle persone anziane, è uno degli obiettivi che ci siamo posti come Happy Ageing, l’Alleanza per l’invecchiamento attivo di cui facciamo parte, insieme ai pensionati delle Acli. Lo scorso anno abbiamo così promosso una campagna di sensibilizzazione e informazione che ha raggiunto circa 10 milioni di cittadini. 

La campagna “Vacci, vacci, vacci a vaccinarti” riparte anche quest’anno, in concomitanza con la vaccinazione antiinfluenzale, ed è strutturata con manifesti, locandine e spot radiofonici. Anche quest’anno il testimonial della campagna è Michele Mirabella, insieme ai volti di donne e uomini anziani che invitano a “Non ti scordar di te”. 

Il Calendario vaccinale per la vita, inoltre, è stato inserito nel Piano nazionale di prevenzione vaccinale e all’interno dei Lea (che, dopo il via libera della Conferenza Stato Regioni, dovrebbero essere a breve definitivamente approvati). 

(Roma, 8 novembre 2016)