1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Contenuti della pagina
 
 

Contenuto della pagina
 
 

Vittime della strada, il 19 novembre la Giornata mondiale Spi-Cgil in campo con "Siamo tutti pedoni"

 
 
 
 

Il prossimo 19 novembre, come ogni anno, nella terza domenica del mese, l’Onu e la Federazione europea delle vittime della strada commemorano la “Giornata mondiale in ricordo delle vittime della strada”. L’obiettivo di questo evento è quello di portare all’attenzione il dramma delle persone che ogni anno perdono la vita o rimangono gravemente ferite negli incidenti stradali.

Nel nostro paese, nel 2016, 175.791 incidenti hanno provocato 3.283 vittime e 249.175 feriti. Una media di quasi due morti e 30 feriti al giorno. Il 42% delle vittime è un pedone o un ciclista, e “l’inospitalità” delle vie delle cittadine (ed extraurbane) si fa evidente se si pensa che il 30% delle persone perde la vita mentre attraversa le strisce e oltre il 50% ha più di 65 anni.

In queste condizioni è inevitabile che i cittadini siano portati a vivere con disagio, se non con senso del pericolo gli spazi pubblici urbani. Eppure le vie cittadine dovrebbero essere il luogo della vita per pedoni, ciclisti, persone di ogni età, e soprattutto bambini e anziani.

Da diversi anni ormai, Lo Spi-Cgil è impegnato nella Campagna “Siamo tutti Pedoni”. Pensiamo che sia fondamentale per il benessere dei cittadini educare, formare e informare al rispetto del codice strada e al diritto alla mobilità delle persone di tutte le età e soprattutto quelle più vulnerabili. Non solo, per limitare la pericolosità stradale e trasformare le città in luoghi delle relazioni vanno migliorante le infrastrutture: semafori, segnaletica, aree di sosta, piste ciclabili.

Lo Spi-Cgil parteciperà quindi attivamente alla Giornata e a tutti gli eventi che saranno organizzati a livello territoriale, a partire da quello che si terrà a Roma dal titolo "Rome 4 life".

(Roma, 6 novembre 2017)