1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Contenuti della pagina
 
 

Contenuto della pagina
 
 

I sindacati dei pensionati di Cgil e UGTT (Tunisia) firmano in Sicilia un appello per i diritti dei migranti del Mediterraneo

 
 
 

Lo Spi Cgil e il sindacato dei pensionati della confederazione tunisina Ugtt hanno hanno firmato oggi a Noto, in provincia di Siracusa, un appello ai Governi nazionali e a tutta l’UE perché prevalga la solidarietà e l’obbligo morale di aiutare e trattare i profughi in modo umano e dignitoso, nella sicurezza e nella legalità, anche attraverso regole che garantiscano una loro equa distribuzione tra tutti gli stati membri dell’Unione Europea. 
Un appello reso ancor più significativo dal luogo in cui è stato firmato, la Sicilia, terra di libertà e di scambi, dove da sempre si incontrano popoli e culture diverse; ma anche luogo di sbarchi e di accoglienza. 

È il terzo appello che lo Spi lancia insieme ai sindacati dei pensionati di altri paesi, con l’intento di sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sul delicato tema dei migranti. Il primo è stato firmato al confine tra Italia e Austria nel luglio scorso, il secondo a Ventimiglia a dicembre.

Ora è la volta del Mediterraneo. È qui che chiediamo a gran voce ai Governi di ratificare la Convenzione internazionale per la protezione dei diritti di tutti i lavoratori migranti e dei membri delle loro famiglie e le convenzioni dell’Oil sui diritti dei migranti.

Con l’appello chiediamo anche la costruzione di un forte legame tra i lavoratori e le lavoratrici, i pensionati e le pensionate della Tunisia e dell’Italia e per la cooperazione tra i Paesi del Mediterraneo nella continuità degli ideali di pace, giustizia, eguaglianza sociale e convivenza civile. 

Ciò è tanto più importante oggi di fronte all’ondata di persone che fuggono dalla guerra e da condizioni di vita miserabili, alle quali l’Europa non può rispondere con i respingimenti in mare e con i reticolati di filo spinato tra gli stati europei, che contribuiscono all’inaccettabile perdita quotidiana di vittime annegate nel Mediterraneo, ma con la riaffermazione dei diritti indivisibili della persona, a prescindere dalla religione e dalla cultura di appartenenza o dal paese di provenienza.

L’appello è stato firmato nella mattinata a Noto presso Palazzo Nicolaci alla presenza del segretario generale dello Spi Cgil Ivan Pedretti e del Segretario Generale UGTT retraités Tunisia Abdel Kader Nasri. 

Con questa firma confermiamo la parola d’ordine di un Mediterraneo di pace, libertà, coesistenza civile, solidarietà e fratellanza tra i popoli, e sottolineiamo anche il rafforzamento di un accordo di cooperazione tra lo Spi Cgil nazionale e della Sicilia e la tunisina UGTT pensionati. 
(Noto, 1 aprile 2017) 

(Noto, 1 aprile 2017)