1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Contenuti della pagina
 
 

Contenuto della pagina
 
 

Il nostro impegno nella settimana mondiale della sicurezza stradale

 
 
 
 

Dall'8 al 14 maggio si terrà la settimana mondiale della sicurezza stradale, un tema che da molto tempo vede coinvolto e impegnato anche lo Spi-Cgil.
Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una consistente riduzione del numero delle vittime della strada, il cui totale in Italia è più che dimezzato rispetto ai primi anni 2000. Malgrado ciò i pedoni restano comunque i soggetti più vulnerabili.
Infatti, in controtendenza rispetto al numero complessivo di persone coinvolte in incidenti stradali, è aumentato quello delle persone che hanno perso la vita mentre si spostavano a piedi ( in Italia ne muoiono quattro volte più degli automobilisti).
Un dato che si fa particolarmente grave in città e nei mesi invernali. Il rischio accresce inoltre in maniera drammatica a causa di distrazioni fatali per l’uso del cellulare tanto nelle aree urbane che in quelle extraurbane.
In questo quadro una particolare attenzione va rivolta ai bambini e agli anziani, che sono i soggetti più esposti.
Riteniamo che non siano sufficienti repressione e intransigenza. Serve una vera e propria  battaglia culturale e di informazione nei confronti sia della popolazione anziana che dei giovani. Ed è su questo che un Sindacato come il nostro è impegnato in prima linea.
La guida “ Siamo tutti Pedoni” è lo strumento che da tempo ci aiuta a realizzare iniziative e a costruire una sorta di formazione permanente agli utenti della strada per migliorare le condizioni di sicurezza del camminare.
“…la strada è vita…” così scriveva J Kerouac . E per noi così deve essere.
La strada rappresenta il viaggio, il tragitto, il percorso che ci permette di “immergerci” nelle nostre città, nei nostri paesi, nei nostri quartieri e che rende possibile le nostre relazioni sociali e affettive.
Dobbiamo pensare e costruire, attraverso la contrattazione sociale con gli enti locali, ad una città che accoglie, che ci permetta di scegliere con quale mezzo muoverci e di farci sentire sicuri, che ci offra spazi e che si trasformi garantendo diritti e una nuova qualità della vita.

Roma, 9 maggio 2017