1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Contenuti della pagina
 
 

Contenuto della pagina
 
 
 

IN CAMPO. Facciamo rete per la legalità

 
 
 
 

Lo Spi-Cgil IN CAMPO da 8 anni su tutto il territorio nazionale, in collaborazione con Arci e Libera. 1000 ragazzi, 250 volontari dello Spi. Tutti insieme in 16 campi confiscati alle mafie. Anche nel 2015 lo Spi-Cgil è stato impegnato insieme alla Cgil, alla Flai, alle associazioni Rete degli Studenti, Udu, Arci e Libera nei campi della legalità confiscati alle mafie. Da luglio fino ad ottobre centinaia di pensionati insieme a tanti ragazzi e ragazze si sono ritrovati insieme negli campi e nei laboratori anti-mafia organizzati in tutto il territorio nazionale.

Con questa attività lo Spi-Cgil intende riaffermare i principi di legalità e di democrazia messi fortemente a rischio dal potere mafioso, fornire un aiuto sostanziale ai lavoratori delle cooperative che gestiscono i terreni confiscati e rinsaldare quel rapporto intergenerazionale che vede sempre più insieme giovani e pensionati. 
I campi di volontariatorappresentano un momento importante di formazione  civile sui terreni confiscati alle mafie esono luoghi in cui emerge prepotentemente una cultura basata sulla legalità egiustizia sociale che può e deve efficacemente contrapporsi alla cultura dellaviolenza, del privilegio, del ricatto.  

I campi di volontariato suiterreni e sui beni che una volta appartenevano ai boss delle principaliorganizzazioni criminali rappresentano una delle attività che lo Spi haconcretizzato con un apporto fattivo sia alla risistemazione dei beni che al supporto di manodopera nel lavoro produttivo che le cooperative svolgono. I pensionati che partecipano ogni anno ai campi svolgono infatti importanti funzioni di supporto logistico e sono protagonisti nella promozione e nella gestione di iniziative di formazione sulle tematiche della legalità e del contrasto alle mafie nei confronti dei giovani. Iniziative che costituiscono fondamentali momenti di formazione e di scambio intergenerazionale che fanno accrescere la sensibilità dei ragazzi e delle ragazze con il valore della memoria. 

Sviluppare questa attivitàriconsegna al nostro sindacato la grande responsabilità e il grande merito diessere tra coloro che, dopo le parole, trasmettono all’intera società la realtàdei fatti. L’orgoglio di questo impegno sta nei volti, negli occhi enell’entusiasmo delle pensionate e dei pensionati che con grande passione sidedicano al lavoro nei campi.


Il lavoro di un anno. Guarda il video


Il racconto dai campi sul blog di Liberetà

Nipoti e "zii": la lotta alla mafia non ha età. Da L'Unità del 20 luglio 2015

"Noi pensionati e i ragazzi uniti da valori comuni". Da L'Unità del 20 luglio 2015