1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Contenuti della pagina
 
 

Contenuto della pagina
 
 

In arrivo la 14esima per 3,5 milioni di pensionati

 

Importo medio di 500 euro. Maggiorata del 30% per chi ha una pensione fino a 750 euro al mese. Estesa anche fino a 1.000 euro lordi

 
 
 
 

È in arrivo la 14esima per 3,5 milioni di pensionati. Accreditata il 1 luglio presso le Poste e il 3 luglio presso le banche.
Spetta a tutti quelli che sono in pensione da lavoro privato, pubblico e autonomo che abbiano compiuto 64 anni di età e il cui reddito personale annuo non superi i 13.000 euro.
Per ottenerla non è necessario fare alcuna domanda ma sarà erogata automaticamente dall'Inps.
Chi ha una pensione fino a 750 euro lordi al mese avrà una somma maggiorata del 30%. La riceverà per la prima volta invece chi ha una pensione fino a 1.000 euro lordi al mese.
La misura è stata definita nell'intesa tra governo e sindacati dello scorso 28 settembre ed è contenuta nell'ultima legge di bilancio. 

L'importo medio della 14esima è di 500 euro e varia a seconda degli anni di contribuzione. Tre le fasce individuate: per le pensioni da lavoro dipendente pubblico e privato la prima è stata fissata fino 15 anni di contribuzione; la seconda da 15 a 25 e la terza oltre i 25 anni. 
Per le pensioni da lavoro autonomo invece la prima è stata fissata fino a 18 anni di contribuzione; la seconda da 18 a 28 e la terza oltre i 28 anni.

Lo Spi-Cgil ha attivato il sito www.pensionati.it dove è possibile avere tutte le informazioni sulla 14esima e calcolare l'importo esatto che si riceverà.

"La 14esima per i pensionati è il frutto di un confronto positivo tra governo e sindacati che ha prodotto l'intesa dello scorso 28 settembre. Quando ci si ascolta e si cercano soluzioni condivise si fanno delle buone cose. Quando non lo si fa invece si rischia generalmente di produrre dei danni". Lo dichiara il Segretario generale dello Spi-Cgil Ivan Pedretti. "È fondamentale - ha continuato Pedretti - riprendere il filo di questo dialogo e riconvocare quanto prima il tavolo di confronto sulla fase due delle pensioni che negli ultimi mesi si è arenata". 

Qui tutte le tabelle

(Roma, 30 giugno 2017)